Aperto dal 19 Giugno al 26 Settembre 2021, tutti i weekend successivi fino al 31 Ottobre, comprese le festività dei santi (1-2 Novembre). 14-15-16 settembre la strada che da Caderzone porta ai posteggi rimarrà chiusa.

Elenco sintetico percorsi dal rifugio San Giuliano

In questa pagina sono state riportate sinteticamente le indicazioni dei percorsi più frequentati a partire dal rifugio San Giuliano

PER LA VAL GENOVA

dal rifugio San Giuliano (quota 1960m) imboccare il sentiero CAI- SAT n° 221 che scende tra i due laghi e risale sulla costa di fronte al rifugio (costa dai badui). Da qui si scende nella vallata adiacente alla conca di San Giuliano, la val Germenega fino a raggiungere la malga Germenega di mezzo in una radura (quota 1880m). Si prosegue attraversando ortogonalmente la valle per circa 200 metri fino a raggiungere le indicazioni poste nei pressi del ruscello che scende da monte e costeggiato dal sentiero CAI-SAT n° 244 che scende anch’esso  verso la val Genova. Attraversato il ponte sul ruscello il sentiero scende verso la val Genova e incrocia la malga Germenega bassa (quota 1580m) dalla quale parte una vecchia Mulattiera che si congiunge alla strada della Val Genova tra il rifugio Fontanabona e il rifugio Cascate Nardis.

Difficoltà E

Tempo di percorrenza 2 ore 30 minuti


PER IL PASSO DEL FORCELIN (proseguendo poi per il paese di Strembo):

dal rifugio San Giuliano (quota 1960m) imboccare il sentiero CAI- SAT n° 221 che scende tra i due laghi e risale sulla costa di fronte al rifugio (costa dai badui). Da qui si scende nella vallata adiacente alla conca di San Giuliano, la val Germenega fino a raggiungere la malga Germenega di mezzo (quota 1880m) in una radura. Si prosegue attraversando ortogonalmente la valle per circa 200 metri fino a raggiungere le indicazioni poste all’incrocio con il sentiero CAI - SAT n° 244. Da qui si sale la vallata seguendo il sentiero CAI-SAT n°244 che costeggia sulla destra il lago di Germenega di mezzo. Salendo si oltrepassa il limite del bosco e si arriva a malga Germenega Alta. Il sentiero risale così la vallata obliquando verso sinistra fino a raggiungere il passo del Forcelin (quota 2210m). Dal passo si scende su un pendio molto dolce e si arriva in località sella delle Palette (quota 1950m). Da qui, si imbocca il sentiero CAI-SAT n° 231 e mantenendo la sinistra orografica si scende arrivando sulla strada che porta all’abitato di Strembo passando dalla malga Casinella (quota 1800m).

Difficoltà E

Tempo di percorrenza 4 ore 30 minuti


PER IL RIFUGIO CARÈ  ALTO

dal rifugio San Giuliano (quota 1960m) imboccare il sentiero CAI- SAT n° 221 che scende tra i due laghi e risale sulla costa di fronte al rifugio (costa dai badui). Da qui si scende nella vallata adiacente alla conca di San Giuliano, la val Germenega fino a raggiungere la malga Germenega (quota 1880m) di mezzo in una radura. Si prosegue attraversando ortogonalmente la valle per circa 200 metri fino a raggiungere le indicazioni poste nei pressi del ruscello che scende da monte e costeggiato dal sentiero CAI-SAT n° 244 che scende anch’esso  verso la val Genova. Attraversato il ponte sul ruscello il sentiero scende verso la val Genova e incrocia la malga Germenega bassa (quota 1535m). Da malga Germenega bassa imboccare il sentiero CAI-SAT n°215 che nel primo tratto passa su di una mulattiera che sale dalla val Genova e prosegue nel vallone di Siniciaga. Proseguendo in questo spettacolare vallone si arriva al passo degli Altar passando da malga Siniciaga Alta e dal Baito Altar poco sotto il passo.

Dal passo si apre la veduta sul monte Carè Alto e con attenzione si riesce ad intravedere anche il rifugio. Si prosegue rimanendo sempre sullo stesso sentiero CAI-SAT n°215 che rimane in quota ed entra nel vallone. Questo sentiero da percorrere con  particolare attenzione nella prima parte arriva al rifugio Carè Alto (quota 2450m).

Difficoltà: EE

Tempo di percorrenza 7 ore.                                 


PER LA VAL DI BORZAGO (pian della sega):

dal rifugio San Giuliano (quota 1960m) imboccare il sentiero CAI- SAT n° 221 che scende tra i due laghi e risale sulla costa di fronte al rifugio (costa dai badui). Da qui si scende nella vallata adiacente alla conca di San Giuliano, la val Germenega fino a raggiungere la malga Germenega di mezzo in una radura (quota 1880m). Si prosegue attraversando ortogonalmente la valle per circa 200 metri fino a raggiungere le indicazioni poste nei pressi del ruscello che scende da monte e costeggiato dal sentiero CAI-SAT n° 244 che scende anch’esso  verso la val Genova. Attraversato il ponte sul ruscello il sentiero scende verso la val Genova e incrocia la malga Germenega bassa (quota 1535m). Da malga Germenega bassa imboccare il sentiero CAI-SAT n°215 che nel primo tratto passa su di una mulattiera che sale dalla val Genova e prosegue nel vallone di Siniciaga. Proseguendo in questo spettacolare vallone si arriva al passo degli Altar (quota 2385m) passando da malga Siniciaga Alta e dal Baito Altar poco sotto il passo. Dal passo imboccare il sentiero CAI-SAT n° 215B che scende subito ripidamente seguendo i paletti segnavia fino a raggiungere località ponte Zucal (quota 1640m) dove si imbocca il sentiero CAI – SAT n°213 che prosegue nel fondovalle arrivando al parcheggio in località Pian della Sega.

Difficoltà EE

Tempo di percorrenza 5 ore

 




Meteo e Webcam

Previsioni Webcam

Rifugio Brentei

Cordialità e ristoro
fra le Dolomiti di Brenta

vai al sito del Rifugio Brentei

...riflesso nel blu dei suoi due laghetti

"Possa il vostro cammino essere
tortuoso, ventoso, solitario, pericoloso e portarvi al
panorama più spettacolare"

Edward Abbey

Seguici

Rifugio San Giuliano
Lago San Giuliano - Caderzone

Via Regina Elena 30 38080 CADERZONE TERME (TN)
Tel-fax: rifugio +39.0465.441244 - abitazione +39.0465.804457
Mail:
info[a]rifugiosangiuliano.it

© Copyright © 2020 | Tutti i diritti riservati
Rendena Alpi s.n.c. di Leonardi Luca e Amadei Antonella - via Regina Elena 30 38080 Caderzone Terme (Tn) P.I./C.F.00691000228

Se non diversamente specificato attraverso citazioni d'altra fonte, i materiali informativi presenti in questo sito sono protetti dai diritti d'autore. Tutti i diritti sui contenuti del sito sono riservati ai sensi della normativa vigente. La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, con qualsiasi mezzo analogico o digitale del materiale originale contenuto in questo sito (tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo, testi, immagini, elaborazioni grafiche) sono espressamente vietate in assenza di autorizzazione scritta.

"Nell'anno 2019, la società denominata Rendena Alpi snc, gestore del rifugio San Giuliano, ha percepito un contributo pubblico da parte della Provincia Autonoma di Trento di € 3.000, beneficiando dell'articolo 30ter, comma 1 bis, LP 15 Marzo 1993, n.8 delibera 898 del 25/5/2018 a favore dei rifugi particolarmente isolati."

Impressum | Powered by Juniper Extensible Solutions